Newwave Media srl

News

La “virgola di Oxford” fa vincere una controversia agli autotrasportatori statunitensi

La sua assenza sarebbe stata determinante per l'esito della controversia.

04 aprile 2017 | Condividi:

E non si dica, poi, che la punteggiatura non è importante.

Da Wikipedia: “In grammatica, con il termine virgola seriale o virgola di Oxford (in inglese Oxford comma) ci si riferisce a un particolare utilizzo della virgola “,” prima della congiunzione (generalmente “e”), al fine di esprimere il corretto significato della frase”.

La virgola di Oxford, quindi, è utilizzata prima di “e” oppure “o” in un elenco di tre o più elementi. Conosciuta anche come “virgola seriale”, i suoi sostenitori affermano che il suo utilizzo renda più chiare quelle frasi in cui si elencano delle cose.

Mettiamo caso che un bambino ci dica:

“Amo i miei genitori, Wonder Woman e Superman”

“Amo i miei genitori, Wonder Woman, e Superman”

Nella prima frase può sembrare, in effetti, che i genitori del ragazzino siano Wonder Woman e Superman.

Nello stato americano del Maine, la virgola di Oxford ha aiutato un gruppo di autotrasportatori del settore caseario a vincere una controversia contro il datore di lavoro in materia di straordinari.

Una Corte di Appello, infatti, ha sentenziato in favore degli autotrasportatori della Oakhurst Dairy motivando tale scelta sulla base dell’assenza della virgola, che avrebbe reso ambigua la normativa in materia di straordinari.

Ecco la frase oggetto della contestazione:

[Le seguenti attività non vengono incluse nel conteggio degli straordinari:]

Inscatolamento, lavorazione, conservazione, congelamento, essiccazione, commercializzazione, stoccaggio, imballaggio per la spedizione o distribuzione di:

[…]

La mancanza della virgola tra “imballaggio per la spedizione” e “o distribuzione” indicherebbe – secondo gli autotrasportatori – che “distribuzione” sia semplicemente una precisazione sul tipo di imballaggio, non un’attività a sé stante.

Quindi, poiché gli autotrasportatori si occupano della distribuzione e non dell’imballaggio dei prodotti, essi hanno inteso di poter godere degli straordinari.

Un tribunale distrettuale aveva in precedenza deliberato in favore dell’azienda, secondo cui il testo è chiaro nel descrivere le attività come distinte ed entrambe da non includere nelle ore di straordinario.

Utilizzando questo sito web si acconsente all'utilizzo di cookies in conformità alla nostra politica sui cookies   Ok